ARMONICA

Fugge la luna - bianco occhio abbacinato - un rincorrersi nel grembo del cielo sciame di uccelli - stracci fluttuanti - mescolato al turbinio delle ali degli angeli. Beve la luna un lupo l'orecchio teso a voci di resina goccianti dalla corteccia degli alberi. Dei lineamenti della notte si impossessa la civetta nel cui volo-carezza è impressa l'ansia del mendicante: quello sbandare smemorato dei raminghi sul ciglio della strada cui talvolta si accompagna il risuonare di un'armonica

Gabriella Colletti